cerca

Cerca:


login utente

Nome Utente: Password:

Link Utili

Benvenuto Utente

Oggi è il 24/03/2019
palla

L'Offball il nuovo gioco da inserire nel palinsesto delle attivita' ludiche scolastiche.

Piedimonte Etneo (06.06.2008)

Piedimonte Etneo (06.06.2008) - Si e' tenuta stamane, presso il Palazzetto dello sport di Linguaglossa e la scuola media "Galileo Galilei" di Piedimonte Etneo, la presentazione di un nuovo gioco, l'Offball. Il progetto degli inventori, la Prof.Nelly Vasta, sostenuta dai saggi suggerimenti del marito Prof.Raiti, gia' presidente dell'A.S.A.D., e' quello di far entrare questo gioco nel palinsesto delle attivita' ludiche scolastiche. Dai primi riscontri e' stato possibile notare come sia grande l'entusiasmo e la voglia di cimentarsi in questa nuova attivita' da parte dei ragazzi della scuola media di Piedimonte e del Liceo scientifico "M.Amari" di Linguaglossa.
L'Offball si gioca su un campo suddiviso in due quadrati delimitati da una rete come quella della pallavolo. Sulla linea di fondo e' tracciata una linea che distingue la zona franca dalla zona off, che e' costituita da tutta la superficie esterna del campo. Lo scopo del gioco e' quello di eliminare tutti i giocatori che si trovano all'interno della meta' campo avversaria attraverso due diverse azioni d'attacco: l'attacco a rete e l'attacco off, quest'ultimo attuabile attraverso i giocatori eliminati e posizionatisi nella zona esterna alla meta' campo avversaria, che in questo modo rientrano in gioco. Il saper lanciare ed afferrare la palla, riuscire a colpire gli avversari e schivare i tiri rappresentano quindi le principali azioni motorie del gioco.
''Da tempo studiavamo un gioco che consentisse una larga partecipazione ed allo stesso. tempo un forte contenuto agonistico - ci racconta la prof.ssa Vasta - la novita' del gioco sta nella doppia possibilita' delle azioni d'attacco e nel fatto che gli eliminati possano rientrare in gioco''. Molto soddisfatto dell'entusiasmo con cui i ragazzi hanno accolto il nuovo gioco anche il prof. Raiti: ''Rompere il monopolio che il calcio esercita sugli alunni e' segno che la novita' e' ben accetta. Abbiamo gia' consegnato tutto il necessario per ottenere il brevetto, oltre ad sito internet che illustra le regole e le finalita'. Ci sono tutte le potenzialita' perché questo nuovo gioco possa diffondersi inizialmente tra i giovanissimi, e poi magari chissa', vedere anche la nascita di una lega professionistica''.